martedì 24 dicembre 2013

IL RITORNO DEI MAESTRI - J.G. Bennet - I Maestri di Saggezza - Edizioni Mediterranee

IL RITORNO DEI MAESTRI (pag. 124)

.....
Al tempo dei Maestri la vita spirituale in Asia centrale era straordinariamente libera. Più e più volte  essi mostrarono col loro esempio che tutte le vie e tutti gli insegnamenti devono essere rispettati perchè tutti hanno qualcosa di buono dal quale possiamo imparare. Ho studiato la storia della ricerca spirituale di parecchi periodi e di svariati luoghi e sempre, sempre ho trovato documenti di dispute dottrinali, settarismi, il rigetto e la persecuzione degli eretici. Ogni insegnante o capo spirituale insiste sulla superiorità della propria via e i suoi seguaci considerano un obbligo mostrare la propria lealtà nobilitando il proprio insegnante e sminuendo gli altri.
La storia dei Khwajagan è quasi unica nella sua libertà da riferimenti ad alcuna di tali dispute e rivalità. Questo, più di ogni altra cosa, mi ha attratto a studiare le vite dei Maestri e a scrivere il presente libro. 
Nella mia esperienza personale, i veri grandi maestri sanno che rivalità e divisioni sono essenzialmente non spirituali. E' soltanto nella natura inferiore dell'uomo - questa natura egoista dalla quale cerchiamo la liberazione - che :"Io ho ragione e se tu non sei d'accordo ti stai sbagliando" trova un qualche posto.
.....


Ho scelto di condividere queste frasi di Bennet in quanto risuonano profondamente nel mio cuore. L'insegnamento di Gesù, centrato sull'amore come proprietà inerente all'essenza umana, rivelò la sacralità dell'individuo. L'amore insito nel cuore di ognuno di noi può però fiorire soltanto nella libertà: in un mondo dove rivalità, divisione e separazione imperano, solo lo sforzo individuale verso un atteggiamento meno egoistico e centrato sul sè, potrà favorire la nascita di una trasformazione tanto necessaria quanto importante.

Nessun commento:

Posta un commento