lunedì 6 gennaio 2014

ARIA - Tenzin Wangyal - Guarire con la Forma, l'Energia e la Luce

L'aria permette flusso e movimento. ...
Recatevi in un luogo ventoso, per esempio, un valico montano o una spiaggia, o in un luogo dove l'aria è fresca e pulita, all'ombra di un bosco o sulla rive di un fiume. Respirate con calma. Sentite il movimento dell'aria. Interiorizzatela: interiorizzate la sua libertà, la sua pronta intelligenza. ...
L'aria solleva lo spirito, solleva l'umore. Quando vi sentite avviliti o depressi, mettetevi in rapporto con l'aria. L'aria è leggera; l'aria è libera, pervade tutto. Interiorizzate questa caratteristica. Quando vi trovate incagliati in una discussione, una depressione, un punto di vista ristretto, mettetevi in rapporto con la flessibilità dell'aria. Fuggite dalla prigione delle abitudini mentali limitate mettendovi in rapporto con l'aria e librandovi oltre le mura del condizionamento negativo.
L'aria forte favorisce un rapido progresso sulla via spirituale, ma se terra e acqua non sono in equilibrio, il risultato non si mantiene stabile.


Quante volte ci siamo innervositi in presenza di vento? Come se l'aria avesse la capacità di far affiorare in noi le emozioni. Le parole di Tenzin acquisiscono valore nel momento in cui abbiamo un buon rapporto con l'elemento aria, siamo ben radicati (terra) e centrati in noi stessi (acqua). Se non abbiamo salde radici il vento ci trascina via e se non siamo in grado di rimanere equilibrati di fronte alle emozioni ne veniamo travolti. La leggerezza difficilmente ci potrà appartenere. Ogni evento sarà vissuto in modo soggettivo e acuirà il nostro disequilibrio.

Nessun commento:

Posta un commento