martedì 21 gennaio 2014

L'UOMO E LA NATURA (Paramahansa Yogananda - Il Maestro disse - Astrolabio)

"L'uomo e la natura sono indissolubilmente legati e vincolati da un comune destino", disse il Maestro.
"Le forze della natura collaborano per servire l'uomo; il sole, la terra, il vento, la pioggia si danno la mano per produrre il cibo per lui. L'uomo guida la natura, benché di solito inconsciamente. Le alluvioni, le trombe d'aria, i terremoti e tutte le altre calamità naturali sono i risultati dei molti pensieri cattivi degli uomini. Ogni fiore sul ciglio della strada è l'espressione del sorriso di qualcuno, ogni zanzara è un'incarnazione del discorso pungente di qualcuno."
"La serva Natura si ribella e diventa insubordinata quando il padrone del creato dorme. Più questi è spiritualmente desto, tanto più facilmente controllerà la natura."


Oggi ho voluto postare questo estratto perché ritengo che il danno maggiore creato dall'inconsapevolezza umana sia proprio quello perpetrato nei confronti della natura. 
Immerso nel suo egoismo l'uomo dimentica spesso quanto il suo destino sia indissolubilmente legato al mondo che lo circonda. Questo atteggiamento superficiale lo porta ad agire senza assumersi fino in fondo la responsabilità dell'azione, lo porta ad adottare comportamenti mirati al proprio benessere nel totale disinteresse che possano non rispettare il benessere di chi sta compiendo questo cammino insieme a lui (che siano uomini o animali) o dell'ambiente in cui si trova a vivere. Credo che una presa di coscienza in questo senso sia veramente indispensabile considerando gli eventi catastrofici sempre più frequenti degli ultimi anni. 
Non è possibile cambiare gli altri, ma ognuno nel suo piccolo è già in grado di fare moltissimo  basando il proprio agire  sul rispetto e mettendo in atto comportamenti consapevoli. L'esempio di pochi sarà un ottimo punto di partenza per altri che seguiranno.

Nessun commento:

Posta un commento