giovedì 7 agosto 2014

DOLORE E RABBIA

Spesso quando proviamo dolore, alla radice è presente un'emozione di rabbia. 
La dinamica mentale del dolore ci porta a giustificare il disagio proiettando all'esterno l'origine del nostro malessere. Questo processo è automatico ed è volto a rendere sostenibile una sofferenza interiore troppo dolorosa: questa attitudine inevitabilmente scatena un'emozione di rabbia verso la situazione o la persona che riteniamo esserne la causa. La rabbia e la frustrazione divengono, quindi, il naturale sfogo del nostro malessere. 
Cosa accade al di là della superficie? Questa rabbia ci appartiene profondamente e il dolore ha la sua fonte all'interno di noi stessi. Ci rende molto arrabbiati e sofferenti realizzare che gli eventi esterni siano così dolorosi proprio perché sono andati a specchiare un nostro disagio profondo. Essere arrabbiati con se stessi per una propria paura o debolezza non accettata è fortemente autodistruttivo, così ci si illude che scatenando esternamente la propria rabbia ci si possa sentire meglio. 
L'unico modo di stare meglio è prendere consapevolezza di dover lavorare in profondità su se stessi e procedere con un faticoso e doloroso processo di accettazione di quello che siamo. 
Solo in questo modo non ripiomberemo nuovamente nella stessa situazione, rivivendo il dolore per poterlo trascendere. 
La presa di coscienza è il primo passo verso la guarigione, perché solo lo scioglimento delle dinamiche che ci legano all'esterno e che permettono a situazioni e persone di farci soffrire, specchiandoci, ci renderà liberi di essere.


2 commenti:

  1. Per guarire dalla rabbia, la presa di coscienza è il primo passo verso la guarigione

    RispondiElimina