martedì 16 settembre 2014

L'UOMO

Come nella natura esteriore le radici degli alberi affondano nel suolo 
e accolgono in sè tutte le forze del Sole, della Luna, delle stelle, dei pianeti, 
della pioggia e dell'aria e le conservano come in grandi serbatoi, 
così accade nell'uomo.
Tutte le forze impulsive celesti devono discendere
per risalire purificate dallo spirito mediante l'amore divino.
Niente sale al cielo che non sia disceso dal cielo.

Diario di un Rosacroce - Franz Hartmann


Mi piace questa immagine di Hartmann dell'uomo, con profonde radici in terra per potersi elevare, completandosi con radici in cielo. Spesso si pensa alla spiritualità dissociandola dalla materialità, mentre le due nature sono intimamente collegate e la piena realizzazione dell'uomo nasce dalla loro integrazione. 

Nessun commento:

Posta un commento