domenica 18 gennaio 2015

UN CERCHIO DI ENERGIA

Siamo ormai consapevoli che tutto è energia. 
Einstein con la teoria della relatività ristretta ci ha aperto un mondo. 
Se tutto è energia, la differenziazione che osserviamo è determinata dal livello vibrazionale di questa energia. 
L'uomo racchiude in sé diversi livelli vibrazionali che vanno da quello più denso del corpo fisico per giungere a quello più sottile dell'essenza spirituale. 
L'illuminazione per giungere all'Io (IO inteso come essere realizzato e non come ego) è l'allineamento di tutti i corpi sottili: le diverse energie che ci appartengono entrano in risonanza in modo armonico tra loro. Questo stato di presenza apre l'accesso all'essenza spirituale e sposta il nostro centro nel cuore. Lo Spirito dirige la materia. La mente è al servizio del cuore. L'energia pensiero si manifesta. Per giungere a questo livello di consapevolezza vi è un lungo e faticoso percorso che partendo dal piano vibrazionale più denso, quello fisico, deve creare quell'armonia necessaria all'accesso ai piani sottili superiori. Le paure, le debolezze non accettate, le emozioni formano come degli addensamenti energetici (dei blocchi) che non permettono di procedere in questo cammino fin tanto che non vengono sciolti. 
Immaginiamo una circonferenza: il percorso si dispiega dalla periferia al centro del cerchio. La circonferenza rappresenta la nostra fisicità. Ovviamente è come essere su una giostra in movimento: se trovo posto al centro (danze sufi) tutto intorno potrà girare e io non perderò il mio equilibrio, ma se trovo posto sulla circonferenza girerò insieme a tutto il resto e mi sentirò molto instabile e insicuro. Questo è il primo passaggio. Abbandonare i punti di riferimento delle circonferenza, che ci illudiamo siano la fonte della nostra sicurezza, per incamminarsi lungo il suo raggio e giungere al centro. 
Il punto in cui ciascuno di noi si trova ha una propria frequenza vibrazionale e determina il mondo con cui ci si relaziona. Se siamo immersi nella circonferenza, ci relazioneremo con la circonferenza. Se siamo al centro, ci relazioneremo con tutto l'insieme con consapevolezza, perché in noi racchiuderemo la comprensione di tutti i livelli vibrazionali e non apparterremo a uno solo di essi. Avremo abbandonato ogni attaccamento e saremo liberi di essere.    




Nessun commento:

Posta un commento