giovedì 17 settembre 2015

L'UNICITA' CHE VUOLE TRASFORMARSI IN DIVERSITA' ... PER EGO

Sarà capitato a tutti di trovarsi davanti chi, più o meno velatamente, desidera essere "visto". 
L'intento è quello, ma i modi per manifestarlo sono veramente tanti.
Ci sono gli insopportabili, quelli le cui frasi sono composte da IO, IO, IO.
Che si brilli per eccellere o per rivelarsi infimi peccatori, non ha importanza: basta mantenere i riflettori del pubblico puntati su di sè.
Ci sono gli specchi magici: quelli il cui Io per brillare utilizza gli altri. Sono quelli sempre pronti a dedicarti attenzioni per riceverne di conseguenza nel ruolo di salvatori.
Non dimentichiamo quelli più astuti: i controtendenza. Se tutti percorrono il percorso A o il B o il C, sono quelli che hanno scoperto il percorso XWZ - sono più avanti, è inevitabile.
Poi ci sono i cattedratici: elargiscono pillole di saggezza a raffica. Levagli la cattedra e ne faranno un dramma.
Ci sono le vittime sacrificali: i poverini della situazione che nelle loro infinite sventure hanno da parlare di sè per interi giorni.
Se ve ne vengono in mente altri, elencate. Credo ognuno di noi ne abbia incontrati a bizzeffe.

Quando si sta bene con se stessi, non occorre sbarluccicare per ottenere approvazione o auto-convincersi di essere migliori. Basta essere. 




Nessun commento:

Posta un commento