giovedì 26 novembre 2015

PERCHE' SPESSO CI DIMENTICHIAMO DELLA BELLEZZA DENTRO E INTORNO A NOI?

Mi guardo intorno nella vita di tutti i giorni. Pochi sorrisi e tanti bronci. Pochi complimenti e tante critiche. I giudizi si sprecano. Tanta rabbia e poca gioia. Tanto odio e poco amore. Tanti dubbi scatenati da un presente sempre più instabile e poca fiducia. 
Stamattina, mentre portavo la piccola a scuola, cercavo di spiegarle che in ogni persona o situazione c'è comunque sempre qualcosa di bello. Il problema è che tendiamo a focalizzare l'attenzione su quello che non ci piace e che "giudichiamo" brutto e lo perdiamo di vista, dimenticandocelo. 
Lei mi ha risposto convinta che non poteva essere così riferendosi ad una ragazzina che non le piace affatto e allora le ho chiesto di scavare in profondità nel suo sentire fino a trovare anche in lei qualcosa di bello. L'ho fatta meditare su se stessa, sul fatto che spesso è imbronciata e lunatica e questo potrebbe creare disagio in chi le si avvicina con il sorriso, ma è anche dolce, generosa e sensibile.  
"Se le tue amiche vedessero solo il tuo broncio probabilmente ti lascerebbero in disparte, ma loro sono riuscite a scorgere la tua bellezza e per questo stanno volentieri con te e insieme vi divertite. Questo non significa che ci siano ragazzine più in sintonia con te di altre e sia naturale che tu scelga di frequentarle maggiormente. Sei libera nella tua scelta, ma questo non ti autorizza a parlar male di chi non è sulla tua stessa lunghezza d'onda. Per questo motivo è importante che ti alleni a vedere la bellezza anche in chi non ti piace. E quando vorresti sbottare in una critica o in un giudizio, respira e ricordati di quella cosa bella e lascia andare la cattiveria che volevi dire. Ci vuole coraggio, sai per fare questo. E' molto più facile sprizzare rabbia e parlare male. E' faticoso vedere la bellezza, quando tutto si fa brutto e buio perchè ti sei sentita offesa o messa da parte. 
E' vero che quella ragazzina spesso ti offende e quando ne abbiamo parlato abbiamo deciso di allontanarla e frequentare altre ragazzine per non offrirle la possibilità di farti del male, ma cosa ti differenzia da lei se ti comporti allo stesso modo e l'offendi a tua volta? Il ferirla non curerà la tua ferita, ma la sua rabbia sarà divenuta parte di te. E ad essere arrabbiate sarete in due e chi si avvicinerà sentirà la vostra rabbia e molto probabilmente si arrabbierà a sua volta. Sarà sempre più difficile giocare con serenità. Se quando lei ti aggredisce con rabbia tu non l'accogli e ti allontani, a chi rimane la rabbia? A lei soltanto. 
Chi vuoi intorno a te? Persone sempre arrabbiate? 
Io ho scelto di vedere la bellezza nel mondo e mi piacerebbe imparassi anche tu a scorgerla. Questo non significa che a volte si sia così stanchi e sfiniti che non ce la si fa a tener fede al proposito, ma l'importante è non rinunciarvi mai. Questo farà la differenza sulla realtà che ti troverai a vivere."
Ci ha rimuginato sopra e se n'è andata a scuola con il compito di scavare a fondo per trovare anche nel giovedì (il giorno scolastiscamente più terribile della settimana) qualcosa di bello. Stasera mi deve raccontare.





2 commenti:

  1. Buonasera ,trovo bellissimo trasmettere questo ad una bambina ,
    ma non si puo' sempre tollerare l'insensibilita' di chi offende :

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Anna, ma credo che la tattica migliore sia allontanarsi da chi non ci rispetta senza scadere nel non rispetto a nostra volta. Devo ammettere che ha funzionato!

      Elimina