domenica 17 gennaio 2016

RIFLESSIONI D'INVERNO

L'inverno ci porta naturalmente a privilegiare l'introspezione e una vita più ritirata, Leggere davanti ad un camino acceso è un'esperienza meravigliosa. Così come meditare quando il silenzio di un paesaggio innevato avvolge il mondo intorno. 
Leggendo, meditando e scrivendo si mettono a frutto le esperienze dell'anno, le si elabora, le si assimila, le si digerisce per rinascere trasformati in primavera. 
La riflessione introspettiva ci induce a osservare con maggiore oggettività il vissuto e a trarne preziosi insegnamenti. Le legnate assorbite e quelle assestate stimolano la chiarezza e la comprensione.
Non si può salvare il mondo ed è già dannatamente difficile salvare se stessi dal sonno atavico dell'inconsapevolezza. E così ci si rimette in discussione con grande umiltà. Ci si osserva agire diretti da un ego sempre più sottile da velarsi dietro la purezza d'intenti. E dietro l'illusione dell'aiuto si scava per illuminare se stessi e le proprie debolezze. E ci si osserva nuovamente, messi a nudo dalla vita. E finalmente si cresce. Un altro po' in direzione del cuore.





Nessun commento:

Posta un commento